Politica federale Una copresidenza per il Partito socialista

Una donna e un uomo con un mazzo di fiori ciascuno sorridono accanto a un pulpito con scritto SP-PS

I neo-presidenti sono stati eletti senza sorprese

Keystone / Georgios Kefalas

Da sabato, il Partito socialista svizzero (PS) ha una copresidenza. I delegati, collegati via web con la fiera di Basilea, hanno eletto a larga maggioranza la zurighese Mattea Meyer e l'argoviese Cédric Wermuth, entrambi consiglieri nazionali (deputati alla camera bassa del Parlamento svizzero). Con essi, il partito si sposta in maniera pronunciata verso sinistra.

I neo-presidenti subentrano al friburghese Christian Levrat, consigliere agli Stati (deputato alla camera alta) che ha guidato la formazione politica per oltre 12 anni. Al duo argoviese-zurighese sono andate 538 su 561 preferenze, contro le sole 23 raccolte dall'outsider Martin Schwab.

Il congresso, già rinviato causa Covid, si sarebbe dovuto tenere in presenza a Basilea ma il repentino aumento dei contagi in Svizzera ha spinto il partito, giovedì, a ripiegare su Internet. Lo sdoppiamento della carica è stato reso possibile da una modifica degli statuti, approvata prima dell'elezione.

Meyer -32 anni e madre di una bambina- è consigliera nazionale dal 2015. È la seconda donna ad assumere la presidenza e la più giovane in assoluto. Wermuth -34 anni, origini italiane e padre di due figlie- è in Parlamento al 2011. Entrambi hanno iniziato a fare politica molto presto e hanno presieduto la Gioventù socialista

Fine della finestrella

Meyer e Wermuth rappresentano l'ala sinistra del partito. Accanto ai classici obiettivi cari al PS, il duo è favorevole alla concessione della cittadinanza secondo lo 'ius soli' (oggi in Svizzera vige invece lo 'ius sanguinis', dunque la nazionalità per discendenza e non per nascita). I neo-presidenti vorrebbero inoltre tassare maggiormente il capitale, sgravando i salari e introducendo un'aliquota minima a livello nazionale per gli utili delle imprese.

Raccomandazioni di voto

Nella stessa giornata di sabato, i delegati del PS hanno raccomandato all'unanimità di accettare l'iniziativa popolare 'Per imprese responsabili', sulla quale si voterà il prossimo 29 novembre e che vuole istituire l'obbligo per le multinazionali con sede in Svizzera a rispettare elevati standard ambientali e i diritti umani anche nelle loro attività all'estero.

Per 324 voti a 4, i delegati hanno pure invitato a votare a favore, sempre il 29 novembre, dell'iniziativa che chiede di vietare alla Banca nazionale svizzera, alle casse pensione e alle fondazioni di investire in aziende che producono materiale bellico.

È stata infine adottata una risoluzione per invitare la Confederazione e i Cantoni a dotarsi di un sistema che consenta il voto elettronico agli svizzeri espatriati, affinché esso sia operativo per le elezioni federali del 2023.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 17.10.2020)

Parole chiave