Navigation

I debitori devono avere un futuro anche in Svizzera

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2019 - 19:56
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 4.3.2019)

Occorre dare la possibilità alle persone oberate dai debiti di uscire dal tunnel. È l’invito rivolto dal Consiglio nazionale, che ha aderito a una mozione messa a punto nell’altro ramo del parlamento svizzero, al governo federale.

La proposta elaborata dal consigliere agli Stati socialista Claude Hêche ricorda che vi sono numerosi cittadini, molti dei quali giovani, che non potendo adempiere alle loro obbligazioni, subiscono pignoramenti delle loro entrate fino al minimo vitale senza alcuna prospettiva di rimediare in futuro a questa situazione. E le conseguenze sono drammatiche: esclusione sociale ed economica, problemi coniugali, difficoltà di trovare un alloggio o un lavoro, impossibilità di finanziare la formazione dei figli.

Su questa questione il governo aveva però già espresso l’intenzione di intervenire sulla base delle esperienze portate avanti con successo in altri paesi. In particolare Berna si prefigge di procedere su due piani. Da un lato vuole estendere la pratica, dove ricorrono i requisiti, dei concordati privati dichiarandoli obbligatori e consentendo così ai debitori di sanare autonomamente la loro posizione.

Per i debitori senza o con insufficiente reddito, che non hanno reali possibilità di rimborsare i creditori, il governo propone una procedura di recupero a norma di legge, opportunamente controllata e seguita dal condono del debito residuo. In questo modo si vuole incoraggiare il debitore a svolgere un’attività che consenta il suo affrancamento dall'aiuto sociale e il conseguimento di un reddito che possa ridurre il passivo.

A questo scopo vengono delineate possibili sinergie tra gli uffici regionali di collocamento e i servizi di aiuto sociale. Considerato che tutto il mondo politico sembra orientato ad affrontare il fenomeno - che ha indubbi costi sociali - è quindi ipotizzabile che a breve si arrivi a una soluzione anche in Svizzera.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.