Navigation

Le api protagoniste involontarie del dibattito politico svizzero

Sia i sostenitori del sì che quelli del no alle iniziative sui pesticidi si dicono dalla parte delle api. Chissà cosa voterebbero loro? Keystone / Anthony Anex

La Giornata mondiale delle api, che ha luogo il 20 maggio, è stata sfruttata in Svizzera da favorevoli e contrari alle iniziative agrarie, in votazione il 13 giugno. I contadini si descrivono come protettori di questi insetti, mentre gli apicoltori lanciano l'allarme.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2021 - 20:47

Un comitato di apicoltori, nel corso di una manifestazione sulla Piazza federale a Berna, ha descritto la situazione delle api come allarmante: l'agricoltura intensiva uccide gli insetti impollinatori.

La metà di tutti gli insetti in Svizzera - non solo le api quindi - sarebbe minacciata. Sotto accusa sono in particolare sostanze come i neonicotinoidi, ma anche i fungicidi e gli erbicidi, che finiscono nell'acqua. Per tutti questi motivi il comitato degli apicoltori invita la popolazione ad approvare sia l'iniziativa "Acqua potabile pulita" che quella sui pesticidi.

Un doppio "no" dai contadini

Opposta la posizione dell'Unione svizzera dei contadini, che attraverso un comunicato stampa si oppone a entrambe le iniziative, considerate controproducenti.

Proprio il testo sull'acqua potabile metterebbe infatti in pericolo le api: attualmente - spiegano gli agricoltori - attraverso le sovvenzioni vengono messe a disposizione apposite aree per questi insetti, ma se l'iniziativa venisse approvata, tali finanziamenti sarebbero messi in discussione e quindi anche gli spazi per le api.

Questa discussione è solo uno degli ultimi segnali di una campagna particolarmente infiammata, come non se ne vedevano da anni. I dettagli in questo articolo di swissinfo.ch.

Anche api selvatiche

In occasione della Giornata mondiale, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) sottolineano che non ci sono solo le api da miele, ma anche quelle selvatiche, che svolgono un ruolo insostituibile come impollinatori di piante coltivate e spontanee. In Svizzera se ne contano più di 600 specie, ma con popolazioni in netto calo.

Sul territorio elvetico - continua l'UFAM - oltre un terzo delle specie di api presenti è strettamente legato a specifiche piante. La progressiva presenza di edifici, infrastrutture e terreni annessi, oltre che l'agricoltura intensiva, rendono difficile la sopravvivenza di queste api.


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 20.05.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.