Navigation

Più lavoratori in Svizzera

keystone

Parallelamente aumenta anche la disoccupazione che sale al 4,4% a livello nazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2014 - 19:02

In Svizzera vi sono sempre più lavoratori, ma nel contempo anche più disoccupazione: stando ai dati pubblicati giovedì dall'Ufficio federale di statistica (UST) nel secondo trimestre erano occupate 4,90 milioni di persone, l'1,8% in più dello stesso periodo dell'anno precedente, una progressione dovuta largamente alla crescita della manodopera straniera (+5%).

Nello stesso tempo molti non hanno più un impiego. Nello spazio di un anno i disoccupati ai sensi dei calcoli dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO) sono aumentati di 16mila unità, toccando quota 208mila: il tasso è così passato dal 4,2% al 4,4%, con punte che raggiungono il 7,7% fra i giovani (+0,7 punti in dodici mesi), in controtendenza rispetto all'UE, (Italia esclusa), dove invece la disoccupazione è calata scendendo dal 10,8 al 10,2%.

Il numero dei frontalieri in Svizzera è salito a 285mila, contro i 280mila del primo trimestre e i 273mila dello stesso periodo del 2013. La crescita annua si attesta così al 4,3%. In generale gli occupati stranieri sono aumentati su base annua del 5% salendo a 1,47 milioni.

Red.MM/ATS/Swing

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.