Navigation

Presunti abusi, cantiere Alptransit del Ceneri sotto la lente

Delle perquisizioni sono state effettuate martedì dal Ministero pubblico e dalla polizia cantonale ticinese sul cantiere Alptransit della galleria ferroviaria del Monte Ceneri. Presunti abusi delle norme sul lavoro erano stati recentemente messi in luce dalla trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2019 - 20:27
tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 05.06.2019)
Contenuto esterno


Lo scopo delle autorità era comprendere se siano stati commessi reati penali o violazioni delle disposizioni in materia di contratti o permessi di lavoro. 

Sono stati effettuati interrogatori, perquisizioni e sequestri di documenti. È la prima operazione in forze dopo gli accertamenti di alcuni mesi fa e l'apertura dell'inchiesta lo scorso 15 maggio.

A mettere in luce le presunte irregolarità è stata anche la trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò in aprile. Le problematiche emerse sono molteplici: ore di lavoro ben oltre il consentito, irregolarità nelle disposizioni per i lavoratori distaccati, buste paga fittizie e obbligo di restituzione di una parte del salario versato. Dal canto suo, Alptransit ha comunicato che attenderà la conclusione delle indagini prima di esprimersi sulla vicenda.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.