La televisione svizzera per l’Italia

Paura di volare in Israele tra gli equipaggi di Swiss

Un velivolo della compagnia elvetica decolla dallo scalo di Zurigo.
Timore tra piloti e assistenti di volo. KEYSTONE/© KEYSTONE / MICHAEL BUHOLZER

La compagnia elvetica costretta a cambiare le procedure per evitare di annullare i voli dopo che diversi collaboratori e collaboratrici hanno cambiato il loro turno.

Da sabato il personale di Swiss sarà tenuto ad annunciare la propria assenza su un volo da o per Israele almeno sette giorni prima del decollo.

+ SWISS assume più personale per contrastare i ritardi dei voli

La decisione è stata presa dalla compagnia aerea dopo il crescente numero di piloti e assistenti di volo che rifiutano turni su aerei diretti in Medio Oriente, per i timori suscitati dal conflitto in corso a Gaza.

Non sono rare infatti le cancellazioni e le sostituzioni di collaboratori e collaboratrici all’ultimo minuto che mettono a rischio l’effettuazione del servizio di trasporto.

Questa situazione, ha fatto sapere la società controllata da Lufthansa, sta creando problemi di pianificazione dei voli e impone una modifica delle procedure.

La compagnia aerea non dispone di statistiche riguardo alla frequenza delle assenze del personale in caso di voli da o per il Medio Oriente: “Su alcuni voli nessuno ha disdetto, su altri uno o più membri dell’equipaggio hanno cancellato la loro presenza”, ha riferito un portavoce del vettore.

Dal prossimo mese Swiss tornerà a servire la rotta Zurigo-Tel Aviv con due voli quotidiani (oggi ce n’è solo uno) che costringe gli equipaggi a pernottare nella capitale israeliana.

In proposito, ha assicurato la compagnia elvetica, viene monitorata costantemente la situazione da parte di esperti, secondo i quali non vi sono però attualmente rischi particolari.  

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR