Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Diritti e salari Donne in sciopero per la parità in Svizzera

Gruppo di manifestanti donne in una piazza; molte indossano qualcosa di viola; palloncini e bandiere viole

Una manifestazione di piazza a Losanna.

(© Keystone / Jean-christophe Bott)

Si sono tenute venerdì in tutta la Svizzera manifestazioni in favore della parità di genere, sancita dalla Costituzione da quasi quarant'anni ma non ancora raggiunta dal punto di vista salariale né culturale. Mentre le piazze si sono tinte di viola con centinaia di migliaia di partecipanti in tutto il paese, donne che non hanno potuto assentarsi dal lavoro hanno segnato la giornata con piccole azioni.

Alla mobilitazione, proposta dal Congresso delle donne dell'Unione sindacale svizzera e promossa dai sindacati insieme a collettivi e associazioni di tutto il Paese, è stato dato il nome di sciopero.

In realtà, la maggior parte delle manifestanti si asterrà dal lavoro impiegando il proprio tempo libero (giorno di vacanza, congedo o compensazione oraria). Altre hanno deciso di restare del tutto in azienda, ma segnando la giornata con piccole azioni, ad esempio un'assemblea o una pausa, come quella osservata in mattinata anche dalle parlamentari.

Ognuna manifesta a suo modo ma comune è l'obiettivo: una reale parità salariale e la fine delle discriminazioni sul luogo di lavoro e nella vita sociale.

(1)

Servizio del TG sulla prima parte della giornata dello sciopero delle donne

Come nel 1991

La data scelta non è casuale, è un anniversario. Il 14 giugno del 1991, con lo slogan 'Se le donne vogliono, tutto si ferma', 500'000 persone scesero in piazza in tutto il Paese per il primo sciopero delle donne in Svizzera. Erano passato dieci anni dal riconoscimento costituzionaleLink esterno dell'uguaglianzaLink esterno tra i sessi.

Non che da allora non sia cambiato nulla: è stata finalmente introdotta un'assicurazione maternitàLink esterno, sono cadute barriere nel mondo della formazione scolastica e professionale e c'è stata una presa di coscienza sulle disparità salariali. Disparità che, tuttavia, non sono scomparse e restano in buona parte inspiegabili.

(1)

Indicati in un grafico/illustrazione, i salari medi e mediani di uomini e donne con le differenze percentuali

Quasi metà della differenza salariale, il 44,1% - indica l'Ufficio federale di statistica nel suo recente rapportoLink esterno, non può essere spiegata da fattori quali l'età, la formazione, il grado gerarchico nell'azienda, le dimensioni della stessa o la regione geografica. La conclusione è che "a qualifiche uguali, le donne guadagnano in media il 7,7% in meno degli uomini".

Altri indicatori (grado di occupazione, ripartizione dei lavori di casa, rendite di previdenza e rappresentanza nelle istituzioni politiche) qui: 

Disuguaglianze di genere: ecco i numeri in SvizzeraLink esterno

(7)

Sciopero delle donne: diretta da Berna dell'inviato del TG

Per tutta la settimana, in vista della mobilitazione, le trasmissioni di informazione della Radiotelevisione svizzera RSILink esterno hanno dedicato ampie pagine alla condizione delle donne nella società e nel mondo del lavoro.

Ne emergono certamente pregiudizi, stereotipi, discriminazioni, ma anche segnali di cambiamento. Vi proponiamo una selezione di servizi.

Perché e come si sciopera

Fine della finestrella

Oltre a pari opportunità e alla fine delle discriminazioni salariali, le promotrici chiedono un'equa divisione del lavoro non retribuito, come le faccende domestiche e la cura dei familiari. Sostengono inoltre misure per conciliare famiglia e lavoro (a vantaggio anche di compagni e mariti), la lotta alle violenze e agli stereotipi e maggiori diritti per le migranti.

Per le lavoratrici che condividono le rivendicazioni ma non hanno potuto incrociare le braccia, si sono organizzati brevi momenti d'incontro in azienda, assemblee o liste di rivendicazioni. Un ulteriore modo di aderire alla protesta è l'astensione dai consumi: per un giorno, niente acquisti, né appuntamenti dal parrucchiere o dall'estetista.

(2)

Scheda del TG sullo sciopero delle donne e intervista alla sindacalista Chiara Landi

Nel servizio [video sopra] i chiarimenti della sindacalista Chiara Landi, responsabile del gruppo donne Unia Ticino e Moesano, e una scheda retrospettiva sulla giornata d'azione "originaria" del 1991, con le voci delle promotrici di allora.

Disparità doppia

Fine della finestrella

Una parte significativa della disparità salariale tra uomo e donna non può essere spiegata né con la formazione, né con l'anzianità di servizio, il grado d'occupazione o altro: è illegittima.

E se durante la vita attiva si registra una disparità del 18%, le ripercussioni sulle rendite al momento del pensionamento ammontano a più del doppio, anche perché in Svizzera una parte consistente della previdenza è basata sul rendimento da capitale (cfr. Il sistema dei 3 pilastriLink esterno).

Le donne, peraltro, continuano a lavorare meno. Benché molti giovani esprimano il desiderio di abbassare il proprio grado di occupazione per dividere equamente con la partner i compiti di cura dei figli, in Ticino oltre il 40% delle famiglie adotta un modello 'neo-tradizionale' (donna impiegata a tempo parziale, uomo a tempo pieno).

È un problema culturale, ma anche strutturale, come spiega la delegata per le pari opportunità del Cantone, Rachele Santoro.

(3)

Intervista del Quotidiano alla delegata per le pari opportunità del Cantone Ticino

Il peso della maternità

Fine della finestrella

Dal primo sciopero delle donne, è stata colmata una lacuna: la Svizzera ha introdotto il congedo maternità per le lavoratrici, che oltre a un'indennità dà diritto a mantenere il proprio impiego e la posizione. Ma quel che è conquistato sulla carta, non sempre si traduce in buone pratiche.

Ci sono storie di donne licenziate o degradate non appena rientrate al lavoro. Qualcuna, persino lasciata a casa prima di riuscire a comunicare al datore di lavoro la gravidanza.

(4)

Servizio del TG sulle discriminazioni subite dalle lavoratrici in occasione di gravidanze

Formazione e stereotipi di genere

Fine della finestrella

Sulla carta, le scelte scolastiche e professionali sono del tutto libere, ma di fatto i ragazzi tendono a orientarsi verso professioni tecniche industriali o artigianali e le ragazze verso quelle socio-sanitarie e artistiche. Stereotipi che i servizi di orientamento cercano di correggere, anche perché i condizionamenti culturali tendono a portare le donne verso settori peggio retribuiti.

Il Telegiornale della RSI, oltre a presentare dei casi controcorrente, ha ospitato Lisa Fornara, insegnante di 'educazione al genere'. Un corso rivolto ai futuri docenti di scuola elementare e dell'infanzia, per aiutarli a sviluppare una didattica inclusiva, che permetta agli alunni di coltivare le loro inclinazioni a prescindere dal genere.

(5)

Servizio del TG sugli stereotipi di genere e l'educazione di genere

Qualcosa, comunque, sta cambiando. Ad esempio, nella letteratura. Dove le protagoniste femminili di fiabe e narrativa per ragazzi, non indossano più soltanto gli abiti della principessa o della strega, come conferma nel video sopra la scrittrice e giornalista Vichi De Marchi.

Intanto, a poche ore dall'inizio delle manifestazioni vere e proprie, la RSI conclude la sua serie di servizi con il ritratto di Leyla Manzoni. Ha fatto carriera in un ambiente maschile per definizione (perlomeno in Svizzera, dove la leva è ancora obbligatoria ma soltanto per gli uomini): l'esercito.

Leyla è stata la prima svizzera i grigio-verde impiegata in missione all'estero e non ha dubbi che il segreto del suo successo stia proprio nell'essere donna.

(6)

Ritratto del TG di Leyla Manzoni, donna che ha fatto carriera nell'esercito

I perché dello sciopero femminile Disuguaglianze di genere: ecco i numeri in Svizzera

Cinque indicatori chiave mostrano quanto l'uguaglianza di diritti tra donne e uomini in Svizzera esista ancora solo sulla carta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2019 9.00


tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano e TG)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box