Navigation

Fuga di giovani fedeli dalla Chiesa cattolica

Ad andarsene sono in primis giovani uomini, dissuasi dall'imposta di culto, e donne tra i 40 e i 50 anni, forse in disaccordo con la condizione femminile all'interno della Chiesa. [immagine d'archivio] © Keystone / Martial Trezzini

Sono oltre 25'000 le persone che nel 2018 hanno smesso di dichiararsi aderenti alla Chiesa cattolica in Svizzera. La cifra, superiore di circa 5'000 unità all'anno precedente, preoccupa l'Istituto svizzero di sociologia pastorale, che elabora la statistica per conto della Conferenza dei vescovi svizzeri e stima che un terzo dei neonati nelle famiglie cattoliche, oggi, non venga battezzato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 novembre 2019 - 13:55
tvsvizzera.it/ri con RSI (News e TG del 27.11.2019)

I credenti cattolici, per la verità, costituiscono il gruppo più consistente del Paese e sono ormai più numerosi anche in cantoni tradizionalmente protestanti. Negli ultimi 40 anni, la loro quota è rimasta relativamente stabile (mentre quella degli evangelici-riformati, ad esempio, è fortemente diminuita e sempre più persone si dichiarano senza appartenenza religiosa).

Ust

Le due evoluzioni non sono in contraddizione. "L'elevato numero di credenti", spiega il direttore dell'Istituto Arnd Bünker, "è da ricondurre alla forte immigrazione da Paesi cattolici. La perdita di fedeli, invece, alla secolarizzazione della società".

+ Leggi una sintesi dello studioLink esterno (in francese/tedesco)

Tasse e condizione femminile

Giovani uomini e donne tra i 40 i 50 anni sono le categorie che più di tutte lasciano formalmente la Chiesa ("si può, tecnicamente, solo in quei cantoni a nord delle Alpi dove le chiese sono organizzate come enti di diritto pubblico riconosciutiLink esterno dallo Stato, e che prelevano la tassa di culto", precisa Bünker).

Per i giovani alla prima attività lavorativa, il motivo è spesso proprio l'imposta di culto. Sulle ragioni delle 40-50enni, l'Istituto ha solo ipotesi, ad esempio che siano deluse dalla condizione femminile nella Chiesa cattolica.

Contenuto esterno

Quanto ai neonati non battezzati, l'eccezione della diocesi di Lugano potrebbe spiegare il fenomeno. A sud delle Alpi c'è maggiore omogeneità confessionale, spiega Bünker, e se entrambi i genitori sono cattolici, la probabilità che i figli siano battezzati è molto più elevata rispetto ai matrimoni misti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.