Navigation

Svizzera, certificato Covid dal 7 giugno

Il ministro della sanità Alain Berset. Keystone / Anthony Anex

Grandi manifestazioni e discoteche potrebbero essere di nuovo accessibili in svizzera con il nuovo certificato Covid. Il documento potrebbe anche permettere di viaggiare. Il Governo ha presentato mercoledì a grandi linee in cosa consisterà il passaporto sanitario.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2021 - 20:55

Le misure contro il propagarsi del virus spesso limitano molto le libertà individuali, riconosce il governo. Certe attività dovrebbero però riprendere grazie al certificato Covid. Per questo, i settori di attività sono stati divise in tre categorie.

La categoria "rossa" è quella per cui il "passaporto" sarà necessario. Si tratta di luoghi in cui il rischio di infezione è considerato particolarmente elevato, come discoteche e grandi manifestazioni. Il documento potrebbe essere inoltre richiesto per viaggi all'estero dato che numerosi Paesi l'esigeranno.

La categoria verde comprende invece i luoghi per attività "quotidiane" come negozi, uffici, scuole, incontri privati o religiosi, che devono essere aperti a tutti. In qeusti casi il certificato non sarà necessario.

Contenuto esterno

Ristoranti, palestre, teatri,... 

La categoria "arancione" è per i luoghi molto frequentati come ristoranti, ospedali, cinema e altri servizi di svago culturali o sportivi. Normalmente, il pass non vi dovrebbe essere richiesto, ma se la situazione epidemiologica peggiorasse, l'accesso a questi servizi potrebbe essere limitato ai detentori del certificato. Questo permetterebbe di evitare nuove chiusure.

In questi ambiti di diritto privato, l'uso del passaporto sanitario deve essere facoltativo. Ogni gerente dovrà decidere se richiederlo o meno.

Ci vorrà pazienza

Il certificato è destinato alle persone vaccinate, guarite e detentrici di un test Covid negativo. Gli autotest non potranno essere utilizzati perché considerati non abbastanza affidabili. Chi ha meno di 16 anni non ne avrà bisogno.

Per gli svizzeri ci vorrà ancora tempo prima di poter ottenere il certificato. L'amministrazione lo sta ancora sviluppando. Dovrà essere sicuro, semplice e compatibile con le regole dell'Unione europea.

I primi dovrebbero essere rilasciati il 7 giugno, mese entro la fine del quale dovrebbero essere disponibili per tutti.   

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 19.05.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.