Navigation

Covid, "situazione buona ma fragile" in Svizzera

Avventori nelle contestate terrazze adiacenti alle piste da sci. Keystone / Urs Flueeler

Nonostante la diffusione delle varianti, la situazione epidemiologica in Svizzera è da ritenersi complessivamente buona, anche se resta fragile. È la valutazione espressa da Virginie Masserey dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel consueto incontro con i media a Berna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2021 - 21:19
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 26.2.2021)

L'incidenza del Covid-19 è stabile in tutte le regioni del Paese, ha rilevato l'esperta federale, con un tasso di riproduzione del virus fluttuante attorno allo 0,9 (anche se in 8 cantoni è superiore a 1).

Presto il 60% dei nuovi casi saranno varianti mutate e più contagiose del ceppo di Wuhan, ha rilevato Virginie Masserey che si è detta comunque fiduciosa sul fatto che la campagna di vaccinazioni possa progredire in modo spedito: attualmente 221'000 persone - il 2,5% della popolazione - hanno già ricevuto le due dosi di vaccino.

Contenuto esterno

Al momento però, a giudizio dei consulenti scientifici del governo, il numero di persone immunizzate con il siero contro il Sars-cov2 è ancora troppo basso per avere un impatto significativo sull'epidemia. Non bisognerebbe quindi esagerare con gli allentamenti -periodicamente richiesti da economia e cantoni - per non ritrovarsi con un'impennata delle infezioni.

Da parte sua Martin Ackermann, presidente della commissione scientifica sul coronavirus incaricata dal Consiglio federale, ha osservato che le misure introdotte il 18 gennaio dal Governo hanno permesso di arginare l'incremento del numero di contagi, contrariamente a quanto successo per esempio nel Regno Unito: dall'inizio di febbraio la variante britannica si è infatti diffusa un po' meno rapidamente del previsto.

Interpellata sull'apertura in alcuni cantoni delle terrazze dei ristoranti sulle piste sciistiche, Masserey ha insistito sulla pericolosità di questa pratica che non consente il rispetto delle distanze interpersonali.

In proposito c'è da registrare che sei cantoni, tra cui il Ticino, hanno deciso venerdì di chiudere questi spazi pubblici, dopo la presa di posizione di Berna che aveva ribadito la contrarietà dell'accesso alle terrazze con le disposizioni federali (Ordinanza Covid-19). Restano aperti invece i take-away. I dettagli della vertenza nel servizio del TG.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.