pandemia Test a tappeto in Svizzera, ma le aperture restano in bilico

Test nelle scuole in Svizzera.

Test nelle scuole in Svizzera.

Keystone / Alexandra Wey

La nuova strategia del Consiglio federale nella lotta contro il Covid-19 si basa sull'intensificazione dei test sulla popolazione per allentare le restrizioni personali ed economiche e accompagnare le riaperture in ambito professionale, ricreativo e nella ristorazione.

Oltre alle tradizionali analisi molecolari (PCR) e rapide che si effettuano nei centri specializzati e nelle farmacie sono previsti i test fai da te, non appena questi saranno in commercio.

In Germania, dove sono già disponibili, sono subito andati a ruba. I primi kit messi in vendita dalla catena di supermercati Aldi sono spariti in poche ore e il sito della concorrente Lidl, dove era possibile effettuare la prenotazione, è collassato di fronte all'elevato numero di richieste. Da lunedì tutti i cittadini tedeschi avranno comunque diritto, per decisione politica, a un test rapido gratuito a settimana nei centri convenzionati mentre nei prossimi giorni saranno di nuovo reperibili i kit nei negozi.

Sul funzionamento dei test rapidi  "fai da te" la spiegazione del TG:

I test rapidi in Germania: Nei supermercati tedeschi Aldi e Lidl è possibile acquistare un kit a persona contenente cinque test da eseguire a domicilio con tampone nasale a un prezzo variabile da 21,99 ai 24,99 euro. Il risultato viene fornito in 15 minuti. Offerte analoghe saranno proposte dai prossimi giorni anche in altri punti vendita germanici.  

Fine della finestrella

Anche Berna, constatati i ritardi nella campagna di immunizzazione attraverso i vaccini e la stanchezza della popolazione, ha annunciato venerdì di voler perseguire una politica analoga. Ma i test che il Consiglio federale vuole realizzare a tappeto nelle scuole e sui luoghi di lavoro non potranno essere la soluzione definitiva.

Il via libera alla seconda fase di aperture previste per il primo di aprile (bar e ristoranti, attività del tempo libero, allentamento dei limiti per le riunioni tra privati e in pubblico) sarà dato solo se saranno rispettati i criteri enunciati dal governo lo scorso 17 febbraioLink esterno, che restano tuttora validi.

Va in ogni caso sottolineato che non vi sarà alcun automatismo: il 19 marzo il Consiglio federale farà una valutazione complessiva della situazione epidemiologica prima di decidere sulla delicata questione, anche perché, con l'estensione degli esami molecolari e rapidi sui residenti, il numero dei contagi è destinato fatalmente ad aumentare, come riferisce il servizio del TG:

Criteri per la seconda fase di riaperture: il tasso di positività deve restare al di sotto del 5 per cento; il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva con pazienti COVID-19 non deve superare il 25 per cento; il numero di riproduzione medio negli ultimi sette giorni deve restare inferiore a 1; l'incidenza della malattia calcolata su 14 giorni non dovrà superare quella del 1° marzo (giorno delle prime riaperture).

Fine della finestrella


Parole chiave