La televisione svizzera per l’Italia

Ousman Sonko condannato a 20 anni di carcere

martelletto del giudice
L'accusa chiedeva l'ergastolo, la difesa l'assoluzione. KEYSTONE/KEYSTONE / TI-PRESS / ALESSANDRO CRINARI

Il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona, nel canton Ticino, ha condannato l'ex ministro dell'Interno del Gambia Ousman Sonko a 20 anni di detenzione per ripetuti crimini contro l'umanità.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) aveva richiesto la reclusione a vita, mentre la difesa l’assoluzione. Alla fine, la Corte di Bellinzona ha trovato una “via di mezzo”, condannando a 20 anni di detenzione l’ex ministro degli interni gambiano per i crimini commessi tra il 2000 e il 2016.

Il dibattimento, iniziato a gennaio, si è concluso a marzo. La sentenza era particolarmente attesa, visto che sollevava questioni di diritto: come riporta RSI Info, Sonko è stato giudicato sulla base del principio della giurisdizione universale, secondo il quale determinati crimini – come quelli contro l’umanità – sono tanto gravi da poter essere perseguiti anche se commessi in altri Paesi.

Contenuto esterno

L’imputato si è reso colpevole di uccisioni, torture, stupri e sequestri, commessi di persona o da altri su suo ordine tra il 2000 e il 2016. La corte ha riconosciuto omicidi, detenzioni arbitrarie e torture, mentre ha lasciato cadere le accuse relative alle violenze sessuali.

In Svizzera come richiedente l’asilo

L’uomo si trova in Svizzera dopo essere fuggito in seguito alla rimozione nel 2016 dalla sua funzione da parte dell’allora presidente Yaya Jammeh in seguito a numerose contestazioni da parte della popolazione. Aveva allora chiesto asilo nella Confederazione, dove è stato arrestato nel gennaio 2017 al centro per richiedenti di Kappelen-Lyss (canton Berna).

Attualità

Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR