Navigation

Organi e tessuti umani dalle stampanti 3D

Si chiama 'bioprinting', è una nuova frontiera della medicina, e vede la Svizzera all'avanguardia

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 agosto 2014 - 08:36

La stampante è tridimensionale, tecnologia fino a tre anni fa limitata ad ambiti industriali ma che ormai è nelle case, e permette a persone comuni di plasmare oggetti e pezzi di ricambio, a partire da progetti propri o elaborati da altri e condivisi su Internet.

La differenza è certamente nell'inchiostro: le stampanti 3D più comuni utilizzano un rocchetto di materiale plastico, mentre i ricercatori del Politecnico federale di Zurigo impiegano un liquido a base di cellule umane, con il quale hanno già stampato cartilagine e pelle.

Il servizio è di Gianmaria Giulini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.