Navigation

Coronavirus, "Un'unica grande ondata"

Una venditrice con la mascherina nel centro commerciale ginevrino di Balexert Keystone / Salvatore Di Nolfi

Lo scenario della pandemia mondiale potrebbe mutare radicalmente se troveranno conferma le ultime dichiarazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2020 - 21:41
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 28.7.2020)

Secondo la portavoce dell'agenzia internazionale Margaret Harris il coronavirus non è stagionale, come altre comuni infezioni alle vie respiratorie ma si diffonde essenzialmente "in un'unica grande ondata che va su e giù"

 "Si tratta di un nuovo virus che si comporta in modo diverso", ha dichiarato la rappresentante dell'Oms Margaret Harris nel corso di un briefing virtuale a Ginevra, che ha sollecitato l'adozione di misure specifiche per rallentare la diffusione del Covid-19 che in questa fase avviene principalmente attraverso raduni di massa.

"La cosa migliore è appiattire" questa grande ondata "e trasformarla in qualcosa che sfiori appena i nostri piedi", ha precisato la portavoce dell'organizzazione sanitaria.

Mascherina nei negozi anche a Ginevra

Intanto in Svizzera, sul fronte del contrasto della pandemia, c'è da segnalare l'introduzione dell'obbligo della mascherina nei negozi, dopo Giura e Vaud, anche nel Canton Ginevra, dove i contagi sono tornati ad aumentare significativamente., come indica il servizio del TG.

Contenuto esterno

Nell'ultima settimana nel cantone romando, dove è stata raggiunta la quota di 1'200 contagi su 100'000 abitanti, sono state conteggiate circa 200 infezioni e 1'200 persone sono state messe in quarantena.

La prescrizione vige anche in tutte le aree dell'aeroporto di Cointrin (allo scalo internazionale di Zurigo-Kloten non è previsto invece alcun obbligo generale) e negli edifici degli ospedali universitari del cantone.

Dal 6 luglio l'uso della mascherina è obbligatorio sui mezzi trasporti pubblici in tutta la Svizzera e norme analoghe valgono per il personale nel settore della ristorazione.

Un contagio su quattro è importato

Ma preoccupano anche i contagi importati: una nuova infezione su quattro, indica la task force di esperti insediata dal governo federale, ha origine all'estero e per questo motivo viene avanzata la proposta di effettuare test sistematici sui passeggeri in entrata agli aeroporti, analogamente a quanto avviene in Germania per le persone provenienti dalle aree a rischio. Sulla questione, che non riguarda le frontiere terrestri, potrebbe esprimersi a breve il Consiglio federale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.