Navigation

Omologato l'Avastin

keystone

Il farmaco per la cura contro il cancro al collo dell'utero è stato anche al centro di una vicenda che ha portato l'antitrust italiano a multare Roche per pratiche anticoncorrenziali

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2014 - 10:01

Swissmedic, l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici, ha omologato l'Avastin per la lotta contro il cancro all'utero. Associato a una chemioterapia, il farmaco Avastin consente di prolungare la vita delle pazienti che soffrono di un cancro al collo dell'utero a uno stadio avanzato.

L'autorità di controllo e regolamentazione dei prodotti farmaceutici ha dato via libera all'Avastin dopo un'inchiesta di sei mesi e mezzo nell'ambito di un processo d'esame accelerato. L'omologazione - comunica il gruppo farmaceutico ROche - poggia su uno studio indipendente condotto dal Gynecologic Oncology Group (GOG).

Per accertare l'effetto terapeutico del farmaco sono state testate 452 donne. L'Avastin può essere ormai utilizzato in Svizzera per il trattamento di sette tipi di cancro differenti tra cui quello del seno e del rene.

Avastin - utlilizzato anche per la cura della maculopatia degenerativa - è stato al centro di una lunga storia, non ancora conclusa, che ha portato l'antitrust italiano a multare Roche e Novartis per pratiche anticoncorrenziali (vedi le storie correlate).

ATS/red

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.