La televisione svizzera per l’Italia

Oltre mille dimostranti chiedono una tregua immediata a Gaza

Bandiera della pace e sullo sfondo il Palazzo federale.
Manifestazione per la Palestina su Piazza federale. KEYSTONE/© KEYSTONE / JULIEN GRINDAT

Manifestazione a Berna per la pace in Palestina. Chiesto lo sblocco dei finanziamenti svizzeri all'agenzia ONU UNRWA.

Oltre un migliaio di persone sono tornate a riunirsi sabato pomeriggio in Piazza federale a Berna per chiedere la fine delle ostilità a Gaza. Tra i partecipanti figurava anche l’ex ministra federale Ruth Dreifuss, che ha tenuto un discorso a sostegno della pace in Palestina.

Secondo i promotori erano presenti a questa manifestazione nazionale per una pace giusta in Palestina/Israele circa 1’200 persone. Di fronte alla minaccia di genocidio, la Svizzera deve agire, ha scritto Amnesty International su X (ex Twitter).

Quest’ultima ha colto l’occasione per far firmare una petizione che chiede di continuare a finanziare l’UNRWA, l’agenzia dell’ONU per i rifugiati palestinesi su cui sono piovute numerose critiche per la sua presunta parzialità nella crisi in Medio Oriente. Motivo per il quale Berna ha nei mesi scorsi deciso di sospendere i finanziamenti all’UNRWA.

Contenuto esterno

Oltre ad Amnesty International (AI), figurava tra gli organizzatori anche l’associazione Jüdische Stimme für Demokratie und Gerechtigkeit in Israel/Palästina (JVJP, letteralmente Voce ebraica per la democrazia e la giustizia in Israele/Palestina) e dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE).

“È necessario un cessate il fuoco immediato e duraturo e misure di ampia portata per garantire gli aiuti umanitari e proteggere la popolazione civile”, ha dichiarato Seraina Soldner di Solidarietà con la Palestina.

“Alla luce della catastrofe umanitaria a Gaza, è irresponsabile sospendere i contributi svizzeri all’UNRWA. Chiediamo alla Confederazione, in quanto Stato depositario delle Convenzioni di Ginevra, di assumersi la propria responsabilità umanitaria e di mantenere i propri contributi”, ha aggiunto Guy Bollag del JVJP.

“Mentre la rappresentanza svizzera al Consiglio di Sicurezza dell’ONU si impegna per il cessate il fuoco e gli aiuti umanitari, il Parlamento di Berna blocca questi aiuti urgenti ed essenziali”, ha invece sottolineato Gabriela Mirescu Gruber, rappresentante di AI.

Timrah Schmutz, rappresentante di Swiss Jews Against Occupation, ha spiegato che “molti ebrei nel mondo – e israeliani sul campo – sono colpiti dall’enorme numero di vittime civili di questa terribile guerra e dalla spaventosa situazione umanitaria a Gaza”. Sempre più ebrei, ha continuato, rifiutano l’occupazione e l’oppressione di tel Aviv e si uniscono all’appello per un cessate il fuoco.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR