Navigation

Nuovi progetti per proteggere le specie indigene

Basilea con il suo traffico internazionale di navi sul fiume è una porta di accesso per le specie esotiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2016 - 20:38

In Svizzera si da un po' di tempo si è iniziato a discutere di fauna e flora esotiche invasive, ovvero piante e animali venuti da lontano che possono minacciare le specie indigene. Come ad esempio l'ambrosia, il gambero di fiume americano o il procione.

Proprio per questi motivi, la Confederazione ha elaborato un nuovo documento strategico per contrastare gli invasori, e a livello locale si stanno lanciando nuovi progetti d'intervento. Come a Basilea, dove si puliranno addirittura tutte le chiglie delle barche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.