La televisione svizzera per l’Italia

Nucleare, riuscita l’iniziativa Stop al blackout

Un operatore e una vasca di raffreddamento all'interno della centrale di Mühleberg.
Una proposta costituzionale per consentire la realizzazione di nuovi reattori. KEYSTONE/© KEYSTONE / PETER KLAUNZER

Il popolo svizzero sarà (verosimilmente) chiamato a pronunciarsi sul possibile ritorno al nucleare per la produzione di energia elettrica.

È formalmente riuscita, con la raccolta delle firme necessarie, l’iniziativa popolare “Energia elettrica in ogni tempo per tutti (Stop al blackout)”, che chiede implicitamente di sopprimere il divieto di costruire nuove centrali atomiche in Svizzera.

La Cancelleria federale ha precisato che delle 126’707 firme depositate il 16 febbraio scorso, 125’830 sono valide (ne servivano 100’000).

+ L’energia nucleare è pronta a tornare in auge?

Il testo della proposta non menziona a chiare lettere gli impianti nucleari, su cui le e i promotori della proposta concordano, ma si limita a dire che “sono ammissibili tutti i tipi di produzione di energia elettrica rispettosi del clima”.

Quattro centrali atomiche attive

Nella Confederazione sono attualmente in funzione quattro centrali: Beznau I, entrata in funzione nel 1969, Beznau II nel 1972, Gösgen nel 1979 e Leibstadt nel 1984 (il reattore di Mühleberg, acceso nel 1972, è stato disattivato cinque anni fa).

+ Un futuro senza energia nucleare è possibile?

Dopo l’incidente di Fukushima, susseguente a un sisma, Governo e Parlamento hanno deciso di abbandonare gradualmente il nucleare e di non rilasciare più nuove autorizzazioni per la costruzione di nuovi impianti atomici.

Un orientamento confermato dal popolo nella votazione del 1917 sulla nuova politica energetica (Strategia energetica 2050). Non è stato però stabilito un termine temporale per le centrali attualmente in funzione, che continueranno a produrre elettricità finché saranno rispettati i requisiti di sicurezza legali.

+ Il popolo sancisce la fine dell’energia nucleare in Svizzera

Va garantito l’approvvigionamento, con ogni mezzo

Le e i promotori dell’iniziativa, sostenuti da ambienti economici e partiti di centro-destra (PLR, UDC, Centro), chiedono ora che sia garantito un “approvvigionamento elettrico sicuro e neutrale dal punto di vista climatico, essenziale per la società e l’economia”. E per raggiungere questo obiettivo viene sollecitata la realizzazione di nuovi reattori nucleari ad uso civile, che dal profilo climatico non hanno un impatto negativo.

Stando al comitato del Club Energia Svizzera, gli ultimi inverni hanno dimostrato che la Svizzera non produce sufficiente elettricità e che dipende da fornitori stranieri.

Alla luce dell’attuale situazione geopolitica in Europa, è stato sottolineato, la Confederazione, deve quindi essere in grado di produrre autonomamente elettricità rispettosa del clima. Affidarsi esclusivamente alle importazioni, ha infine aggiunto l’organizzazione “borghese”, è pericoloso.

L’iniziativa popolare, come di consueto, sarà ora sottoposta alle valutazioni del Governo e delle due Camere, prima di essere messa in votazione popolare (che può però essere ritirata nel caso in cui vengano soddisfatte le richieste delle e degli iniziativisti).

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR