Navigation

Nucleare iraniano, 007 all'opera a Losanna

Inchiesta della Procura federale su un sospetto caso di spionaggio nel corso delle recenti trattative in riva al Lago Lemano

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2015 - 22:14

È una trama degna dei migliori film di 007 quella che si sta delineando sugli ultimi due mesi di negoziati svoltisi a Losanna sul nucleare iraniano. Un virus sofisticatissino avrebbe infettato il sistema la rete informatica di un hotel ginevrino in cui avrebbero alloggiato illustri partecipanti alle trattative internazionali per carpire informazioni riservate su quanto veniva discusso. Tra i maggiori indiziati vi sarebbero i servizi segreti israeliani. Sul caso che sta venendo alla luce in riva al Lemano la Procura federale ha aperto un'inchiesta penale contro ignoti per attività illegali di spionaggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.