Navigation

Novità sul dramma di Würenlingen

L'omicida era separato dalla moglie e figli e viveva in assistenza

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 maggio 2015 - 15:09

A 36 ore dai fatti di sangue di WürenlingenLink esterno, cominciano ad emergere alcuni dettagli sulla vita dell'omicida. Si chiamerebbe Semun A, di 36 anni, e viveva con l'aiuto dell'assitenza sociale. A questo si aggiunge che era separato dalla moglie Elisa e dai figli posti in una struttura protetta.

Una situazione che potrebbe spiegare il gesto estremo di sabato sera, almeno stando a Roberto Sandrinelli della Divisione dell'azione sociale e delle famiglie del Canton Ticino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.