Navigation

Norme più severe per i lavoratori distaccati

A Berna, il Parlamento affronta l'inasprimento della legge; maggiori sanzioni per chi non rispetta le condizioni lavorative e salariali minime

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2016 - 13:27

A Berna, dove sono in corso i lavori parlamentari, il Consiglio nazionale affronta l'inasprimento della legge sui lavoratori distaccati, che prevede pene più severe per le imprese che non rispettano le condizioni lavorative e salariali minimi.

Il progetto del Consiglio federale (governo) innalza le sanzioni massime da 5mila a 30mila franchi e contempla la possibilità di pronunciare un divieto di operare in Svizzera da uno a cinque anni.

Si intende così rafforzare l'effetto deterrente della sanzione per le numerose imprese estere che inviano lavoratori distaccati nella Confederazione. Il progetto governativo, già approvato dalla commissione preparatoria del Nazionale, è sostenuto dalla deputazione ticinese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.