Navigation

Norme Covid, rilasciati i tre esercenti a Zermatt

Nonostante le autorità abbiamo "murato" il locale, i gestori del ristorante lo hanno comunque sempre tenuto aperto. Keystone / Laurent Gillieron

Niente carcere preventivo per i tre esercenti del ristorante Walliserkanne di Zermatt (Canton Vallese) che a più riprese si erano rifiutati di rispettare l'obbligo di certificato Covid e la chiusura del locale imposta dalle autorità. Il Tribunale delle misure coercitive ha respinto la domanda del Ministero pubblico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2021 - 13:19
tvsvizzera.it/fra

Nella decisione pubblicata giovedì, la Corte ammette che esistono forti sospetti che gli imputati abbiano commesso numerose infrazioni. Tuttavia, non ha riscontrato alcun motivo particolare per giustificare un simile tipo di incarcerazione. Il Ministero pubblico vallesano ha deciso che non farà ricorso.

Per i tre gestori - una coppia e il figlio - domenica mattina erano scattate le manette, poiché si erano rifiutati di applicare l'obbligo di certificato Covid all'entrata del ristorante e avevano ignorato la decisione di venerdì del Consiglio di Stato relativa alla chiusura dell'esercizio.

La misura era stata resa pubblica con cartelli e le entrate erano state sbarrate con blocchi di cemento: un dettaglio che ha fatto discutere. Il ristorante ha però proseguito l'attività, improvvisando persino un bar sui blocchi.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.