Navigation

Non è il lupo a minacciare le pecore

Depositata petizione a tutela dei predatori che non godono dell'apprezzamento degli allevatori e di alcune autorità cantonali

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2015 - 21:36

Non è il lupo il vero nemico delle pecore ma l'incuria dell'uomo. A dirlo è la Protezione svizzera degli animali che ha consegnato a Berna una petizione corredata di 25'000 firme con cui si chiedono alla Confederazione misure per proteggere meglio le greggi al pascolo.

Le statistiche indicano che dei circa 200'000 ovini che vengono fatti pascolare in montagna nel periodo estivo, 4'000 periscono generalmente per malattie o incidenti, come cadute dai dirupi. Di esse solo 200, vale a dire il 5 per cento, subiscono attacchi letali da lupi o altri predatori.

Per questo motivo, sostengono i promotori, è sbagliato mettere in competizione il lupo con le pecore e soprattutto risulta insensato revocare la protezione dei predatori a tutela degli ovini che, come sembra, sono minacciati da altri fattori. In molti cantoni i guardacaccia vengono autorizzati ad abbattere i lupi che compiono numerose razzie di bestiame.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.