Navigation

Nizza, confermata la terza vittima svizzera

La madre della piccola Kayla è stata uccisa della follia del tunisino 31enne. Alle 12 la Francia si è fermata per un minuto di silenzio

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 luglio 2016 - 15:53

A mezzogiorno in punto la Francia intera si è fermata per un minuto di silenzio in memoria delle 84 vittime dell'attentato di giovedì scorso a Nizza. Non sono mancate le contestazioni nei confronti del primo ministro Valls.

Intanto, come si temeva negli scorsi giorni, c'è la conferma della terza vittima svizzera: le autorità francesi hanno reso noto che anche la madre della piccola Kayla è stata uccisa della follia omicida del tunisino 31enne.

Le indagini intanto non forniscono particolari elementi di novità e ancora resta da stabilire l'eventuale legame fra il killer di Nizza e lo stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.