La televisione svizzera per l’Italia

Nei confronti di Huawei, un parlamentare svizzero chiede un “approccio a fiducia zero”

Hauwei spia danimarca svizzera
Huawei aveva proposto un accordo "no-spy" con la Svizzera nel 2019, ma non è stato raggiunto alcun accordo concreto. © Keystone / Walter Bieri

Il gigante cinese delle telecomunicazioni è accusato di aver fatto capo a spie in Danimarca. In Svizzera, dove Huawei è molto presente, la preoccupazione è grande.

Lo scorso giugno, l’agenzia di stampa Bloomberg ha riferito che il gruppo danese di telecomunicazioni TDC sarebbe stato oggetto di spionaggio da parte di Huawei, per avere la meglio in una gara d’appalto per un contratto di rete 5G del valore di 175 milioni di franchi svizzeri (198 milioni di dollari). E ciò malgrado Huawei si fosse impegnata a rispettare un accordo “no-spy” con il Governo danese. L’azienda cinese nega dal canto suo qualsiasi addebito.

Huawei aveva proposto un accordo simile alla Svizzera nel 2019, ma poi non se ne era fatto nulla. Huawei ha confermato queste informazioni al quotidiano Tages-Anzeiger.Collegamento esterno

Swisscom e Sunrise, i due principali operatori di telecomunicazioni in Svizzera, utilizzano entrambi apparecchiature Huawei nelle loro reti. Sunrise ha costruito la sua rete 5G insieme a Huawei.

Quando accaduto in Danimarca suscita preoccupazione tra la classe politica. Il consigliere nazionale socialista Jon Pult, presidente della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni della Camera bassa, afferma di non essere a conoscenza di episodi di spionaggio ai danni di operatori di telecomunicazioni svizzeri. Tuttavia, ciò non lo “sorprenderebbe”, ha dichiarato al Tages-Anzeiger.

L’azienda è un’emanazione del Partito comunista cinese e già “solo per questo motivo sono contrario a considerare Huawei come fornitore di elementi delle nostre infrastrutture critiche”, prosegue il parlamentare grigionese, secondo cui bisognerebbe vietare l’uso di componenti di rete forniti da aziende controllate direttamente o indirettamente da un Governo straniero.

Per Hans Wicki, presidente della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio degli Stati, le accuse di spionaggio in Danimarca danneggiano la credibilità di Huawei. Il ‘senatore’ liberale radicale chiede che nei confronti di questo fornitore le aziende di telecomunicazioni svizzeri applichino un “approccio a fiducia zero”.

Il cosiddetto “Zero Trust Model” è una strategia di protezione della rete basata sul concetto secondo cui l’accesso ai sistemi IT di un’azienda da parte di persone o dispositivi, interni o esterni alla rete aziendale, deve essere consentito solo se ritenuto espressamente necessario

Sunrise esclude atti simili

Sunrise, il più importante cliente di Huawei in Svizzera, esclude di essere stato vittima di un atto di spionaggio simile. “Sunrise non è stata e non è spiata da Huawei”, ha dichiarato un portavoce dell’azienda al Tages-Anzeiger. Tuttavia, l’azienda continuerà a prendere precauzioni.

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR