La televisione svizzera per l’Italia

Negoziati con l’UE e protezione dei salari: i sindacati sono preoccupati

persone sedute a un tavolo
I sindacati si sono presentati in fronte compatto lunedì per esprimere i loro timori. ©keystone/peter Schneider

I primi colloqui tra Svizzera e Unione Europea per rilanciare gli accordi bilaterali inquietano i sindacati svizzeri, che temono una riduzione della protezione dei salari.

Dopo la rottura da parte della Svizzera dei negoziati sull’accordo istituzionale nel 2021, Berna e Bruxelles stanno esplorando delle strade negoziali per rinnovare i trattati esistenti e completarli con un nuovo pacchetto, al fine di uscire dallo stallo attuale.

L’andamento delle discussioni con la Commissione europea è però fonte di preoccupazione per i sindacati. Secondo l’Unione sindacale svizzera (USS) e Travail.Suisse si sta delineando un programma di liberalizzazione.

Contenuto esterno

Nei colloqui preliminari, hanno sostenuto in una conferenza stampa lunedì a Berna, l’Amministrazione federale ha accettato una riduzione della protezione dei salari e un indebolimento del servizio pubblico.

+ Perché le relazioni tra Svizzera e UE sono così complicate?

I lavoratori e le lavoratrici distaccate in Svizzera dall’estero non riceveranno più il rimborso delle spese previsto dalla Confederazione. Gli strumenti sanzionatori, come la cauzione e il divieto di fornire servizi, perderebbero il loro effetto. I sindacati chiedono al Governo federale di correggere questi errori. Inoltre, criticano il fatto che le aziende e i dipendenti svizzeri si troverebbero in una situazione di svantaggio competitivo e che quelli stranieri verrebbero discriminati.

Il principio della “parità di retribuzione per lo stesso lavoro nello stesso luogo” rischia di essere annacquato, ha dichiarato Vania Alleva, presidente del sindacato Unia, secondo la versione scritta del suo discorso. E non si tratta affatto di “noccioline”, ma di quote salariali molto consistenti per gli interessati. Ancora oggi, i lavoratori distaccati devono spesso guadagnarsi da vivere in condizioni molto precarie: “Non vogliamo un ritorno alle condizioni dei tempi dello statuto dei lavoratori stagionali”, ha aggiunto.

Secondo il capo economista dell’USS, Daniel Lampart, se il principio di proporzionalità definito dall’UE si applicasse ora alla protezione dei salari, questa sarebbe più subordinata all’accesso al mercato. Sotto vari aspetti, anche i meccanismi di controllo e di sanzione svizzeri contro il dumping salariale risulterebbero indeboliti.

Non solo salari

I sindacati temono anche una minore offerta di elettricità e di trasporto ferroviario alla popolazione. Secondo loro, l’adozione della legge europea in questi settori, come richiesto dalla Commissione europea, significherebbe la completa liberalizzazione del mercato dell’elettricità per i piccoli clienti e l’accesso al mercato per le compagnie ferroviarie come Flixtrain nel trasporto internazionale di passeggeri.

Gli elettori e il parlamento svizzeri hanno ripetutamente chiarito che vogliono mantenere l’attuale sistema di trasporto pubblico”, ha dichiarato Matthias Hartwich, presidente del Sindacato del personale dei trasporti (SEV). In Europa, la liberalizzazione delle ferrovie ha generalmente portato a servizi più scadenti, a condizioni di lavoro peggiori, a scarsa puntualità e a inaffidabilità: “La gente non vuole condizioni come quelle presenti in Germania”.

Il Consiglio federale dovrebbe presentare il suo mandato negoziale a dicembre o gennaio e inviarlo ai due comitati di politica estera e ai Cantoni per la consultazione. A seconda dell’esito, i negoziati potrebbero iniziare il prossimo febbraio o marzo.

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera
maxi schermo

Altri sviluppi

La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan

Questo contenuto è stato pubblicato al A tre giorni dall'insediamento alla presidenza dell'isola di William Lai, ritenuto da Pechino un "pericoloso separatista", l'esercito cinese ha mobilitato aerei e navi da guerra per delle esercitazioni al largo di Taiwan.

Di più La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan
Tino Chrupalla,

Altri sviluppi

L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Alternative für Deutschland è stato espulso dal gruppo che riunisce, tra gli altri, la Lega e il Rassemblement National di Marine Le Pen. Il partito di estrema destra tedesco è finito sotto i riflettori per una serie di scandali.

Di più L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR