Navigation

L'industria del turismo è fan della K-Pop

Canzoni strappalacrime, soap-opera tanto commoventi quanto intricate e molte, moltissime "boy band". La cultura pop coreana è un fenomeno ancora relativamente poco conosciuto in Europa, ma l'enorme influenza che ha in Asia non è sfuggita a Svizzera Turismo che intende sfruttare la cosa. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 luglio 2018 - 09:43
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 05.07.2018)
Contenuto esterno



BTS, Red Velvet o (per i nostalgici) Girls' Generation, 2NI1 e Big Bang sono solo un'infinitesima parte dei gruppi di K-Pop (musica pop coreana). Questo genere spopola ben oltre i confini della Corea del Sud e perfino in Svizzera sono nati dei circoli dove gli appassionati ballano le coreografie di queste band.

Le Girls' Generation, nella foto durante un concerto in Thailandia nel 2013, sono una delle band "storiche" della K-Pop. Keystone

Generalmente, si tratta di gruppi costruiti "a tavolino" per piacere al pubblico e che ricordano i più famosi (in occidente), Backstreet Boys o Spice Girls. 

Giovani cantanti di bella presenza, coreografie di gruppo e musica orecchiabile sono gli ingredienti di base per creare una band, ma le variazioni sul tema sono innumerevoli e ce n'è per (quasi) tutti i gusti. 

I membri di questi gruppi musicali, così come i protagonisti di serie TV e reality show (e fare una cosa non esclude l'altra), diventano rapidamente famosi e dunque influenti sui loro fan, per lo più giovani e attivi sui social network. 

Un fenomeno che si intende sfruttare in Svizzera. Il mercato asiatico, infatti, rappresenta una fetta  importante del turismo estero nella Confederazione e i visitatori provenienti dalla Corea del Sud, in questi ultimi anni, stanno aumentando considerevolmente. 

Contenuto esterno


"Via social media i fan seguono i loro beniamini ovunque. E per molti di loro l'obiettivo è  trascorrere le vacanze nello stesso posto", ha dichiarato alla televisione svizzera André Aschwanden di Svizzera TurismoLink esterno, che già tre anni fa aveva incaricato una star coreana di girare un video nella Confederazione. 

Contenuto esterno


Un'operazione che ha avuto parecchio successo, e che si intende ripetere, mettendo sempre più Svizzera nelle canzoni e nei videoclip di questi "influencer" orientali. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.