Navigation

Muore sul Bernina Norbert Joos

L'alpinista grigionese precipita per 160 metri con due compagni di cordata, due italiani, rimasti feriti in modo grave

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 luglio 2016 - 21:18

Norbert Joos, uno degli alpinisti svizzeri più conosciuti, è morto ieri mentre stava scendendo dal Piz Bernina (Canton Grigioni) con due compagni di cordata. Lo scalatore grigionese stava facendo da guida a due italiani che sono rimasti feriti in modo grave nella caduta avvenuta a quota 3'900 metri.

Dalle prime informazioni sembra che uno dei tre alpinisti sia scivolato, trascinando con sé i compagni in un volo di circa 160 metri. Norbert Joos è deceduto sul posto mentre i superstiti, una donna di 56 anni e un uomo di 58, sono stati soccorsi dopo che un altro gruppo di escursionisti ha lanciato l'allarme e sono stati trasferiti all'ospedale di Coira in elicottero.

Lo scalatore grigionese aveva conquistato senza bombole d'ossigeno 13 delle 14 vette sopra gli ottomila e al suo palmarès mancava ancora l'Everest. Ma la sua passione erano le montagne retiche. Nel 2005 con Peter Guyan percorse in meno di 70 giorni l'intero confine grigionese, vale a dire 740 chilometri che si snodano lungo vallate e ben 335 cime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.