Navigation

Monaco, la psicologia del killer

Ali Sonboly visto dallo piscologo di cui leggeva i libri

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2016 - 14:51

A due giorni dall'attacco al centro commerciale, Monaco di Baviera è sempre alla ricerca di risposte. Esclusa la pista terroristica, restano da decifrare i fantasmi che si annidiavano nella testa del 18enne che ha deciso di stroncare la vita ad altri giovanissimi come lui.

Sul comodino di Ali Sonboly è stato trovato il libro "perchè i ragazzi uccidono" dello psicologo americano Peter Langam. Ed oggi quello stesso psicologo cerca di decifrare l'accad

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.