Navigation

Migranti: esercito pronto

Se la situazione dovesse precipitare keystone

In caso di afflusso difficile da gestire, ai confini arriveranno i militari

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2016 - 20:49

Il Dipartimento della difesa è stato incaricato dal Governo di elaborare un progetto che contempli l'invio di 2000 di soldati alle frontiere, per dare man forte ai doganieri, nel caso in cui dovesse verificarsi un afflusso massiccio di profughi.

Un battaglione (700 uomini) dovrebbe inoltre essere mobilitabile all'istante nel caso la situazione dovesse precipitare.

L'intervento dei militari, secondo gli scenari previsti dal piano d'urgenza adottato giovedì da Confederazione, cantoni e comuni, è previsto solo nel caso le entrate irregolari dovessero raggiungere le 30'000 nello spazio di pochi giorni. Una circostanza, questa, mai verificatasi finora in Svizzera, neppure durante il conflitto in Kosovo, al cui apice si registrarono 9'649 domande d'asilo.

RSI/NEWSLink esterno/ATS/dg

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.