La televisione svizzera per l’Italia

Messaggi d’odio anche sulle piattaforme commerciali

Le offese passano dalla rete.
Le offese passano dalla rete. KEYSTONE

Finora si riteneva che i contenuti offensivi fossero presenti soprattutto sui social media, invece una ricerca ha scoperto che abbondano anche, ad esempio, su Amazon e tutti.ch.

L’Ufficio federale di statistica (UST) ha appena pubblicato una ricerca sulle discriminazioni, dalla quale emerge che nel 2022 più di una persona su quattro ha ritenuto di essere stata vittima di discriminazione nel corso degli ultimi 5 anni, a causa della nazionalità, della lingua, del sesso. Il contesto di questi episodi di violenza verbale e psicologica resta principalmente l’ambiente di lavoro.

Altri sviluppi

Un’indagine mirata sulle immagini offensive

I messaggi d’odio, secondo quanto rivela uno studio condotto invece dalla Scuola universitaria professionale dei Grigioni insieme all’Università di Friburgo, su incarico dell’Ufficio federale della comunicazione, sono ampiamente diffusi anche nella comunicazione online e non risparmiano neanche note piattaforme commerciali, come Amazon e tutti.ch. Questa indagine si è concentrata in particolare sui messaggi visivi (e non sui testi).

Un’immagine che inneggia alla violenza, una fotografia offensiva, una caricatura denigratoria possono far male più di 1’000 parole.

Finora si riteneva che i messaggi d’odio fossero soprattutto presenti nei social media. A sorpresa degli stessi ricercatori questi vengono però pubblicati anche sulle piattaforme di vendita per corrispondenza e di annunci basati sugli utenti, come appunto Amazon o tutti.ch.

Occorrono strumenti efficaci di autoregolamentazione

Queste piattaforme hanno un alto tasso di utilizzo, ma – secondo lo studio – sono limitate le possibilità di segnalazione e reclamo. La cosa, come sottolinea Franziska Öhmer-Pedrazzi, responsabile del progetto di ricerca, solleva diversi interrogativi su come proteggere gli utenti.

“Partiamo dal presupposto che la regolamentazione funziona solo se si riesce a coinvolgere il maggior numero possibile di attori. Riteniamo che gli stessi operatori delle piattaforme debbano attivarsi introducendo la moderazione dei contenuti o le opzioni di segnalazione per gli utenti”, spiega alla Radiotelevisione svizzera in lingua italiana RSI .

“Ciò significa che se si è su tali piattaforme e si vedono contenuti offensivi, si dovrebbe essere in grado di segnalare queste informazioni direttamente alla piattaforma senza alcuna complicazione o ostacolo. Se tali misure di autoregolamentazione non sono efficaci – se le piattaforme non forniscono agli utenti tali opzioni- allora il legislatore deve intervenire”.

Finora la posizione assunta dalla Svizzera, osserva la ricercatrice, “è quella di volersi concentrare solo sulle grandi piattaforme di comunicazione. Ma sulla base dei nostri risultati raccomandiamo di prendere in considerazione anche altre piattaforme”.

Le precisazioni di tutti.ch

Tutti.ch, interpellata dalla RSI, ha dichiarato per iscritto di prendere sul serio la questione, ma di non aver ricevuto segnalazioni dagli utenti. “Tuttavia, tutti.ch non è a conoscenza di immagini di odio.

Attualmente su tutti.ch vengono pubblicati 25’000 nuovi annunci al giorno. Prima di essere pubblicati, vengono controllati (utilizzando strumenti specializzati e controlli manuali). Tutti gli annunci online su tutti.ch possono essere segnalati al nostro servizio clienti tramite il link “Segnala annuncio sospetto”.

Questi vengono poi controllati manualmente e cancellati se i sospetti sono confermati. Nei nostri controlli non abbiamo trovato inserzioni con “immagini che incitano all’odio” e nessuna ci è stata segnalata dagli utenti.”

Le piattaforme web coinvolte

Lo studio ha analizzato 86 immagini di odio. Il 27% riguardava X, il 24% Instagram e il 7% Amazon e tutti.ch. Una quota quest’ultima che – secondo tutti.ch – è particolarmente bassa.

“Per questo motivo, – precisa l’editore della piattaforma – al momento non ci sentiamo in dovere di prendere provvedimenti particolari in merito. Tuttavia, terremo ovviamente sotto controllo le immagini che generano odio nelle inserzioni di tutti.ch”.

Analogamente ad altri studi che hanno analizzato il fenomeno, è emerso che l’odio in rete colpisce principalmente le persone in base alla nazionalità, all’etnia e all’orientamento sessuale.

Attualità

Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR