Navigation

Mammografie contestate dallo Swiss Medical Board

tvsvizzera

Uno studio mette in discussione i risultati degli esami effettuati sulle ultracinquantenni

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2014 - 21:03

Lo Swiss Medical Board lancia l'allarme: secondo un suo studio pubblicato sulla Neue Zuercher Zeitung am Sonntag il 4 per cento delle mammografie effettuate in Svizzera su ultracinquantenni dà risultati errati (nel senso che indica false positività) e per questo motivo andrebbe rivisto il programma per la prevenzione precoce del tumore al seno.

In particolare viene sottolineato il fatto che i depistaggi sistematici consentono di evitare l'insorgere del cancro in una o due donne ogni mille. Ma nel contempo inducono un altro centinaio di loro a sottoporsi a costose terapie inutili, in ragione dell'esito erroneo di questi esami.

Da parte sua la Lega svizzera contro il cancro, secondo cui il rapporto non aggiunge nulla a quanto già conosciuto, ha espresso costernazione per la presa di posizione dell'organizzazione che riunisce i rappresentanti cantonali della sanità, medici e accademici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.