Navigation

Maltempo, guide alpine in crisi

keystone

Il clima straordinario di luglio ha influito anche sull’attività degli escursionisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2014 - 10:11

Il mese di luglio è stato caratterizzato da importanti precipitazioni nevose che hanno influito anche sulle gite in alta quota. Lo sanno bene le 60 guide che ruotano attorno al centro alpino di Zermatt, costrette a una pausa forzata perché il Cervino è imbiancato.

"Durante il mese di luglio solo 4 guide e 4 clienti hanno raggiunto la vetta di questa montagna, lo scorso anno avevamo organizzato una sessantina di escursioni", ha dichiarato il responsabile Reinhard Zeiter, sottolineando che tutte le gite sulla roccia sono state cancellate e non solo quelle sul Matterhorn.

"A luglio in alta quota in tutte le regioni alpine abbiamo registrato grandi quantità di neve, sopra i 3'500 metri, nell'Oberland Bernese, da 2 fino a 3 metri. Le condizioni per una gita in quota erano quindi piuttosto critiche" conferma Frank Techel del servizio di avviso valanghe dell'Istituto per la neve e le valanghe di Davos che in luglio ha pubblicato cinque bollettini per le valanghe, superando la media degli ultimi anni.

Red.MM/Radiogiornale

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.