La televisione svizzera per l’Italia

L’Università di Losanna ha chiesto ai manifestanti di andarsene ma la protesta continua

L'UNIL "non può più permettere al collettivo di occupare l'edificio giorno e notte", scrive l'ateneo.
L'UNIL "non può più permettere al collettivo di occupare l'edificio giorno e notte", ha scritto l'ateneo. © Keystone/ Valentin Flauraud

L'UNIL ha respinto la richiesta degli studenti, che invitavano al boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane.

La direzione dell’Università di Losanna (UNIL) ha respinto la richiesta di un gruppo di studenti in protesta di boicottare le istituzioni accademiche israeliane. I giovani, che da giovedì 2 maggio manifestano in solidarietà al popolo palestinese e che occupano uno degli edifici dell’ateneo, sono stati invitati ad andarsene.

Questi si sono però rifiutati di rispettare la scadenza fissata dal rettorato e, questa sera, hanno deciso di continuare la protesta.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Il collettivo studentesco e il rettorato non sono quindi riusciti a trovare un’intesa. La direzione voleva tenere i colloqui in comitato ristretto presso la sede dell’UNIL, mentre gli studenti volevano negoziare a Géopolis, dove centinaia di studenti e sostenitori (1’300 secondo il collettivo) si sono riuniti questa sera.

Sentendosi “traditi” dalla direzione, i manifestanti hanno dichiarato che l’occupazione continuerà fino a quando il rettorato non si presenterà in loco per le trattative e non fornirà “risposte concrete” alle loro richieste. Un nuovo incontro è stato fissato per domani – martedì 7 maggio – alle 18.

“Collaborazioni legittime”

In precedenza la direzione aveva respinto la richiesta degli studenti, sostenendo che l’UNIL “non può più permettere al collettivo di occupare l’edificio giorno e notte”, e dicendosi disposta a fornire “uno spazio” in cui continuare l’azione, a condizione che il gruppo rimanga composto esclusivamente da membri dell’università. La direzione aveva aggiunto di voler “evitare di dover ricorrere all’intervento della polizia”.

Altri sviluppi

Aveva inoltre respinto la principale richiesta degli studenti, che chiedevano il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane, spiegando che le sue attuali collaborazioni con le università dello Stato ebraico non saranno estese.

Le collaborazioni – ha precisato – non sono in contrasto con la sua missione, che è “la trasmissione della conoscenza basata su metodi critici e rigorosi, il confronto delle idee, la riflessione etica e il rispetto della deontologia scientifica”.

Azione pacifica

In serata gli occupanti dovrebbero tenere un’altra assemblea. “Le nostre richieste sono chiare e ci atteniamo ad esse”, ha dichiarato un rappresentante del movimento, aggiungendo che ogni ulteriore azione sarà presa “collettivamente”. Gli studenti si dicono ancora aperti al dialogo e hanno deciso di continuare la loro azione in modo pacifico.

Attualità

Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR