Navigation

Londra, UBS pronta al trasloco

Fino a 1'500 impiegati potrebbero lasciare Londra reuters

La Brexit potrebbe portare ad una drastica riduzione degli impieghi nella capitale britannica

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2016 - 15:12

Il personale di UBS a Londra potrebbe essere drasticamente ridotto (1'000-1'500 posti di lavoro) in seguito all'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha svelato al sito d'informazione giapponese Nikkei Asian Review l'amministratore delegato della banca, Sergio Ermotti.

Gli istituti che operano nella capitale britannica, infatti, agiscono nel mercato finanziario europeo grazie a un "passaporto UE", spiega il portale web. A più riprese Ermotti aveva detto che era troppo presto per fare delle previsioni sul post-brexit, ma che comunque "UBS è preparata ad ogni scenario".

Se il quartier generale londinese dovesse traslocare, afferma tuttavia Ermotti, "il 20-30% delle 5'000 persone attualmente impiegate nella città potrebbe essere spostato". "Crediamo che Londra rimarrà un centro finanziario rilevante, ma non avrà più la stessa importanza di oggi", conclude.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.