Navigation

Libera circolazione, nessuna misura supplementare (per il momento)

Il governo svizzero non interviene sul mercato del lavoro. Prima vanno chiarite le nuove norme sull'immigrazione e i rapporti con l'UE

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2015 - 21:14

La priorità del governo svizzero in questa fase, ha detto il consigliere federale Johann Schneider-Ammann in conferenza stampa a Berna, riguarda l'applicazione dell'iniziativa contro l''immigrazione di massa votata il 9 febbraio dell'anno scorso che, come noto, rischia di compromettere gli accordi con l'UE. Per questo motivo sono stati congelati i previsti inasprimenti alla libera circolazione che toccano il mercato del lavoro. L'unico intervento di Berna consiste nell'aumento, da 5'000 a 30'000, franchi delle multe per i dipendenti distaccati che non rispettano le condizioni minime legali di lavoro. Rimandati quindi per il momento i contratti obbligatori validi per interi settori, chiesti soprattutto nelle regioni a forte concentrazione di manodopera estera, come Ticino e Ginevra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.