La televisione svizzera per l’Italia

Le casse malati devono pagare le cure del Long Covid

dottore esamina paziente con Covid
Per la difesa si tratta di "un pericoloso precedente". KEYSTONE

Il Tribunale federale ha dato ragione a un paziente che si era visto rifiutare dalla sua assicurazione malattia il rimborso delle spese legate al trattamento del Long Covid.

Le casse malati devono sostenere le spese derivanti dal Long Covid: lo ha deciso il Tribunale federale accogliendo il ricorso di un paziente al quale la sua assicurazione malattia aveva negato il rimborso di fatture mediche per un importo pari a 20’000 franchi.

Il paziente è Christian Salzmann, un noto presentatore radiofonico svizzero-tedesco. Nel 2020 l’uomo si ammalò di Covid-19 e poté tornare al lavoro solo dopo un lungo congedo per malattia. Le sue condizioni, però, non sono mai tornate a essere ottimali. Vertigini, difficoltà nell’esprimersi, intolleranza a luci e rumori hanno continuato ad accompagnarlo a lungo. I medici gli hanno in seguito diagnosticato il Long Covid.

Salzmann è potuto tornare a lavorare grazie a una cura che purifica il sangue, alleviando i suoi sintomi. Cura che però ha un suo costo: 20’000 franchi. La sua cassa malati però si è rifiutata di rimborsare queste spese. L’uomo ha presentato un ricorso alla più alta istanza giuridica elvetica, che gli ha dato ragione.

La Corte ha ora obbligato l’assicuratore a saldare il dovuto, a meno che non si dimostri che la cura è inefficace, ma non sembra il caso di Salzmann. Per il legale della cassa malati, però, si tratta di un pericoloso precedente. C’è il rischio, ha detto, di portare il sistema alla deriva. Secondo lui le casse malati potrebbero dover essere costrette a rimborsare trattamenti la cui efficacia non ha nessuna prova scientifica. Basterebbe che vengano prescritti da un medico. Dall’altra parte, inoltre, la sentenza non è una buona notizia per i e le pazienti: le casse malati potrebbero bloccare i rimborsi continuamente, chiedendo ulteriori verifiche, scrive la Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI, che ha riportato la notizia.

“Si fatica a farsi rimborsare anche i trattamenti più semplici”

Presso la clinica Moncucco di Lugano, nel canton Ticino, si trova l’ambulatorio Long Covid, gestito dal dottor Pietro Antonini. Antonini ha confermato alla RSI la difficoltà a farsi rimborsare i trattamenti per questa patologia derivata dalla pandemia di Covid-19: “rispetto ai costi per terapie Long Covid, la sua struttura fa “”Si fatica a far pagare alle assicurazioni cose più semplici. Ad esempio, un paziente che arriva con disturbi di memoria, di concentrazione o ‘nebbia cerebrale’ potrebbe beneficiare di una neuroriabilitazione. Poi però si deve convincere la cassa malati della bontà della scelta e far sì che accetti una terapia che costa 2’000-3’000 franchi. E si tratta di una terapia che aiuta il paziente”, allo stesso modo di una fisioterapia o di un’ergoterapia di norma rimborsate più facilmente.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR