Navigation

Philip Morris sopprime 265 impieghi in Svizzera

Il quartier generale della Philp Morris a Losanna Keystone / Laurent Gillieron

​​​​​​​

La Philip Morris intende sopprimere 265 posti di lavoro nelle sue sedi di Losanna e Neuchâtel in applicazione del piano di ristrutturazione progettato dalla multinazionale del tabacco statunitense. Oltre la metà degli impieghi interessati dalla manovra sarà trasferita all'estero (Lisbona, Londra e Cracovia).

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2020 - 21:19
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 27.1.2020)

I vertici aziendali hanno spiegato la decisione con la nuova strategia della compagnia che ha l'obiettivo di "accelerare gli sforzi verso un futuro senza fumo": il futuro modello d'affari della multinazionale consiste infatti nel portare avanti alternative alla sigaretta, in particolare attraverso la commercializzazione di prodotti a base di tabacco riscaldato senza combustione.

Contenuto esterno


La Philip Morris, che ha il suo quartier generale a Losanna, ha fatto sapere che vuole restare in Svizzera, dove è presente dal 1957 e impiega 3'000 dei suoi 77'000 dipendenti nei cantoni di Neuchâtel, Vaud e Zurigo.

Entro la fine di marzo i dipendenti coinvolti nella ristrutturazione verranno informati e, trattandosi di licenziamenti collettivi, la legge prevede l'avvio di una procedura di consultazione cui sono chiamate a partecipare le organizzazioni dei lavoratori e le autorità dei due cantoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.