Navigation

Disoccupazione in Svizzera ai livelli più bassi dal 2008

Arrivano notizie positive sul fronte del lavoro in Svizzera, col tasso di disoccupazione attestatosi a fine giugno al 2,1%. Il numero di persone registrate presso gli uffici di collocamento è sceso sotto quota 100'000. Non succedeva dal settembre del 2008, prima della crisi finanziaria.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 luglio 2019 - 14:48
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 09.07.2019)
I fattori stagionali hanno influito sul basso tasso registrato in giugno, specialmente nei settori dell'edilizia, della ristorazione e il settore alberghiero. Keystone / Gaetan Bally


Secondo una nota della Segreteria di Stato dell'economia (SECO)Link esterno diffusa martedì, i senza lavoro iscritti agli uffici regionali di collocamento (URC) sono calati nel mese in rassegna di 4'148 unità per attestarsi a 97'222. 

Rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, il numero di disoccupati è diminuito di 9’357 unità (-8,8%). Per la prima volta da circa da circa dieci anni il numero totale di senza lavoro è quindi sceso sotto la soglia di 100'000.

Per aree geografiche il tasso di disoccupazione più alto a giugno è stato registrato nel canton Ginevra (3,8%), seguito da Neuchâtel, Giura, Vaud, tutti al 3,1%. La quota più bassa è stata messa segno da Nidvaldo (0,7%; Obvaldo (pure 0,7%), Grigioni (0,8%) e Uri (-0,9%). 
Il Ticino, con il 2,4%, presenta un tasso leggermente superiore alla media nazionale. Tra i cantoni più grandi della Svizzera tedesca Zurigo ha evidenziato un tasso del 2,0% e Berna dell'1,6%.

SECO


Per fascia di età, tra gli over 50 è stata misurata una disoccupazione del 2,1%, tra i 25-49enni del 2,2% e tra i 15-24enni dell'1,9%. Il tasso per le donne era a giugno del 2,0%  e tra gli uomini del 2,2% (-0,1). Gli svizzeri (1,6%) vantavano una quota più bassa rispetto agli stranieri (3,6%).

Fattori stagionali

Secondo la SECO, la riduzione della disoccupazione registrata negli ultimi mesi è legata principalmente a motivi stagionali, grazie soprattutto all'edilizia, la ristorazione e il settore alberghiero. Il dato di giugno dovrebbe quindi rivelarsi il più basso dell'anno.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?