Navigation

Lavoro: potenziale femminile da sfruttare

Le donne che oggi non lavorano rappresentano una soluzione nella strategia della Confederazione per avere manodopera qualificata

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 luglio 2016 - 20:17

In Svizzera circa 200mila donne non lavorano: oltre la metà ha svolto un apprendistato o uno studio superiore. Il loro reinserimento professionale dopo una pausa dedicata alla famiglia non è facile.

E il Consiglio federale pensa proprio a loro per colmare il fabbisogno di manodopera qualificata per applicare l'iniziativa contro l'immigrazione di massa.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?