Navigation

Salari svizzeri protetti anche senza ispezioni

L'analisi di Avenir Suisse è contestata dall'Unione sindacale. RSI-SWI

Se diminuissero i controlli sui cantieri, nelle fattorie o nella ristorazione, la Svizzera riuscirebbe comunque a proteggere i suoi alti salari. È il parere di Avenir Suisse, che relativizza il "peso" delle ore di lavoro effettuate da 300'000 stranieri con permesso di corta durata. Una tesi contestata dai sindacati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2018 - 21:25
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.12.2018)

Le ispezioni sono una delle misure d'accompagnamentoLink esterno alla libera circolazione delle persone, che l'Unione Europea vorrebbe allentare. In altre parole, se la Svizzera firmerà l'accordo istituzionale con l'UE, diminuiranno drasticamente.

Si tratta di 35'000 controlli l'anno, volti a verificare che il personale goda di condizioni salariali e di lavoro conformi alle norme legali.

Il "laboratorio di idee" Avenir SuisseLink esterno, vicino agli ambienti economici, ritiene però che la Svizzera possa scongiurare il dumping anche senza misure d'accompagnamento.

Relativizzare le cifre

Stando all'ultima ricerca, gli stranieri che per motivi professionali soggiornano per un periodo limitato nella Confederazione (la legge consente 90 giorni) sono oltre 300'000. Ma la cifra, secondo gli autori, va rapportata alla mole dell'economia svizzera.

Nell'edilizia, ad esempio, i 5'000 detentori di un permesso di corta durata svolgono lo 0,7% del volume di occupazione dell'intero settore. Nell'industria e nelle piccole e medie imprese, questa quota scende allo 0,6%. 

Contenuto esterno


Risulterebbe, alla luce di tali dati, che i lavoratori stranieri non contribuiscono a mettere sotto pressione i salari elvetici. Una conclusione contestata dall'Unione sindacale svizzera.

In sindacati temono peraltro che l'accordo quadro con l'UE possa rivelarsi una minaccia anche per i contratti collettivi di lavoro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.