Navigation

La Svizzera non è immune alla minaccia jihadista

Per combatterla si affinano le armi, ma senza stravolgere lo stato di diritto

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2015 - 12:02

Il fenomeno che preoccupa particolarmente le autorità sono i volontari della jihad. Chi si radicalizza, chi parte ed eventualmente ritorna.

Gli ultimi dati dei servizi di informazione indicano in particolare che fino a oggi sarebbero partite dalla Svizzera 65 persone con finalità jihadiste, 43 delle quali verso la Siria o l'Iraq, sei i rientri confermati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.