Navigation

La prima banca del latte materno in Svizzera francese

Attualmente esistono già otto strutture simili nella Svizzera tedesca. In tutta Europa se ne contano 280. Keystone / Cyril Zingaro

Per la prima volta nella Svizzera francese, una banca del latte materno aprirà i battenti a inizio 2022 al Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) di Losanna. Servirà ad aiutare i neonati vulnerabili, le cui madri riscontrano difficoltà nell'allattamento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2021 - 20:47
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Per questi bebè a rischio - che siano prematuri, sottopeso o malati - il latte materno è considerato un trattamento che porta protezione supplementare. Il latte materno è infatti molto più efficace di quello artificiale nella prevenzione di diverse complicazioni, come l'enterocolite necrotizzante, una patologia potenzialmente mortale.

Con la creazione del "lactarium", il servizio di neonatologia del nosocomio vodese vuole "rispondere ai bisogni di certi neonati ospedalizzati e delle famiglie, offrendo la migliore alternativa al latte della madre, ovvero quello di donatrici", riassume il CHUV nella nota.

Per alimentare la banca del latte, l'ospedale fa appello alla solidarietà e alla generosità delle donne che allattano e beneficiano di un eccesso di produzione. Le donazioni vengono fatte su base volontaria e non sono remunerate. Le donatrici dovranno inoltre rispondere a determinati criteri di salute.

Attualmente esistono già otto strutture simili nella Svizzera tedesca. In tutta Europa se ne contano 280.

Contenuto esterno

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.