Navigation

La jihad combattuta anche in Svizzera

La polizia federale li tiene d'occhio da tempo: i simpatizzanti della causa jihadista che vivono in Svizzera e che vogliono unirsi ai combattenti dello Stato islamico e di Al Quaida

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2014 - 21:10

Un corpo speciale per difendersi meglio dal pericolo jihadista. Insomma le autorità federali sono preoccupate e intendono agire. Il numero di residenti svizzeri pronti a combattere al fianco degli estremisti islamici, è in aumento. La nuova task force stilerà una lista di sospetti e manterrà contatti a livello internazionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.