Navigation

La giustizia ticinese nel tunnel

Tra abusi sugli operai, incidenti e sospetti d’infiltrazioni criminali, ecco quanto sarebbe successo sul cantiere AlpTransit del Monte Ceneri. © Keystone / Gaetan Bally

Sono passati oltre tre anni e mezzo dalle loro denunce, ma la giustizia non ha fatto ancora il suo corso. L’inchiesta è quella sui presunti abusi nei confronti degli operai che si sono occupati della posa dei binari nella galleria di base del Monte Ceneri, ultima tappa di AlpTransit.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 maggio 2022 - 10:00
Oscar Acciari, Falò RSI

Molti lavoratori distaccati, che lavoravano per due ditte italiane specializzate nell’armamento ferroviario, avevano denunciato di dover svolgere fino a 20 ore di lavoro al giorno, mentre in busta paga ne venivano conteggiate solo otto. Non solo, alcuni di loro avevano pure rivelato di essere stati costretti – sotto intimidazione – a violare ripetutamente diverse misure di sicurezza e addirittura a restituire parte del salario.

Testimonianze raccolte in un’inchiesta di Falò, diffusa il 4 aprile 201Link esterno9. Quello che emergeva dalle diverse testimonianze raccolte allora è un vero e proprio cantiere della vergogna: turni infiniti, buste paga taroccate, assenza di controlli e lacune nella sicurezza. Gli importi sottratti ai lavoratori stimati assieme all’ispettorato ticinese del lavoro sarebbero di almeno 3,5 milioni di franchi. In seguito a quel servizio televisivo, grazie alle denunce di una decina di operai appoggiati dal sindacato Unia, fu quindi aperta l’inchiesta. Un procedimento penale tuttora in corso. Come mai?

Ora Falò è ritornato sul tema. Vediamo.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?