Navigation

La Banca nazionale rivede al rialzo le previsioni di crescita

La Banca nazionale svizzera ritocca al rialzo le sue previsioni di crescita per il 2021: il prodotto interno lordo dovrebbe salire di circa il 3,5%. Keystone / Peter Klaunzer

Prevista una cresciuta più sostenuta dell'economia svizzera, ma niente di talmente radicale da far cambiare la sua politica monetaria: il tasso guida viene mantenuto fermo al -0,75%.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2021 - 14:24
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Secondo la Banca nazionale svizzera (Bns), "il franco continua ad avere una valutazione elevata" per cui l'istituto intende mantenere la sua rotta, con l'obiettivo di garantire la stabilità dei prezzi e continuare a sostenere la ripresa dell'economia dalle conseguenze della pandemia.

Oltre al tasso guida più basso del mondo la Bns impone anche interessi negativi (pure del -0,75%), sulle somme depositate dalle banche (oltre una certa soglia limite) sui conti giro presso la Bns, balzelli che gli istituti tendono sempre più a ribaltare a loro volta sui risparmiatori.

La terza colonna è rappresentata dalla disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi: cosa che l'anno scorso è stata fatta in misura enorme, attraverso l'acquisto di divise estere per 110 miliardi di franchi.

Stando agli esperti la Bns non può muoversi prima che lo facciano la Banca centrale europea (Bce) e la Federal Reserve. Quest'ultima proprio mercoledì ha mantenuto la sua politica, prospettando solo un lieve anticipo dei tempi del rialzo dei tassi: ma si parla del 2023. 

L'economia mondiale

Riguardo alla congiuntura planetaria, la BNS prevede un netto miglioramento sulla scia dell'allentamento delle misure anti-Covid. Tuttavia i postumi della pandemia continueranno a penalizzare la domanda ancora per un po': di conseguenza il grado di utilizzo delle capacità produttive globali appare destinato a normalizzarsi solo lentamente.

In Svizzera, dopo il calo del prodotto interno lordo (Pil) nel primo trimestre, è atteso un vigoroso rimbalzo nella seconda parte dell'anno: per l'insieme del 2021 il Pil dovrebbe salire di circa il 3,5%, a fronte di un valore compreso fra il 2,5% e il 3,0% stimato tre mesi or sono. Segnali positivi si delineano anche sul mercato del lavoro.

Contenuto esterno


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.