Navigation

Accordo Svizzera-UE, i sindacati non ci stanno

Il presidente del sindacato SEV Giorgio Tutti, quello dell'USS Paul Rechsteiner e la presidente di UNIA Vania Alleva. Keystone

L'Unione sindacale svizzera USS ha annunciato mercoledì che non accetta di trattare con la Confederazione sulle misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone tra Svizzera e Unione europea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 agosto 2018 - 20:50
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 08.08.2018)

L'organizzazione sindacale non transige poiché ritiene che l'obiettivo delle discussioni sia indebolire la protezione dei salari versati ai lavoratori residenti, precisa una notaLink esterno.

Le consultazioni con i cantoni e i sindacati -di competenza del ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann, un ex imprenditore- erano state sollecitate dal Consiglio federale (governo) in vista di un accordo istituzionaleLink esterno tra Berna e Bruxelles.

Regola degli 8 giorni e cauzione

È noto che l'Unione europea vedrebbe di buon occhio un allentamento delle misure di accompagnamento alla libera circolazioneLink esterno, in particolare dell'obbligo per le aziende di annunciare otto giorni prima dell'arrivo in Svizzera i lavoratori distaccati.

L'obbligo prevede anche il versamento di una cauzione, e -nelle intenzioni di chi ha formulato la norma- dà tempo alle autorità di controllare salari e condizioni di lavoro.

Contenuto esterno

Il governo ha sempre affermato che le disposizioni in favore del mercato interno del lavoro non sono negoziabili, ma l'apertura di un tavolo sulle misure collaterali appare in contrasto con quanto detto finora.

"Se serve, sarà referendum"

Ne è convinta l'USS, la quale preannuncia che utilizzerà tutti i mezzi a sua disposizione per evitare che si intacchi la protezione dei salari. I sindacati credono che Schneider-Ammann voglia rimettere in discussione anche le garanzie fissate dai Contratti collettivi.

Contenuto esterno

L'Unione europea vorrebbe che la Svizzera adottasse le regole comunitarie sui lavoratori distaccati, già imposte -in quanto membri dell'UE- a Lussemburgo e Austria.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.