Navigation

L'aviaria torna ad allarmare

La misura fa seguito alla scoperta di focolai nella zona di Ferrara archivio keystone

Berna blocca l'importazione di pollame e uova da alcune località emiliane, dopo la scoperta di focolai

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 maggio 2016 - 13:47

Provvedimento da Berna, per prevenire possibili rischi in Svizzera legati all'influenza aviaria. L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) ha disposto un divieto temporaneo di importazione di pollame e uova da alcuni comuni dell'Emilia Romagna.

La proibizione è stata resa nota dalla Cancelleria federale oggi, venerdì, ed entrerà in vigore da domani. L'ordinanza dell'USAV concerne nove località della provincia di Ferrara, dopo l'individuazione di focolai del virus.

Esso, secondo quanto sottolineato a inizio anno dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è ancora all'origine di diversi casi di infezione in tutto il mondo, dall'Asia all'Europa, e determina la morte di migliaia di volatili. La malattia, occasionalmente, può essere trasmessa anche agli esseri umani.

ATS/ARi

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.