Navigation

L'assenzio

Sapevate che la sua proibizione fu scritta nella Costituzione svizzera del 1907? Si parlava di "minaccia sociale"

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2015 - 15:51

Non vi sono informazioni chiare sulle origini dell'assenzio, ma è certa l'apertura nel 1897 a Couvet della prima distilleria di questo liquore, amato anche da diversi grandi artisti come Gauguin, Verlaine e Van Gogh.

Accusato di rappresentare una minaccia sociale e per la salute, l'assenzio fu vietato in seguito a una votazione popolare e la proibizione venne addirittura scritta nella Costituzione nel 1907. S

olo dal 2005 produzione e vendita sono di nuovo permessi in Svizzera. Così i distillatori di assenzio sono usciti dalla clandestinità, ognuno con la sua ricetta personale a base di erbe. Come Willy Bovet, che racconta la sua avventura durante il pribizionismo e mostra il suo attuale - e legale - laboratorio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.