Navigation

Jihadista? "Via il passaporto"

Contenuto esterno

Accolta la mozione di Marco Romano per la revoca automatica della nazionalità ai foreign fighter

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2016 - 09:23

I jihadisti svizzeri con doppia nazionalità che hanno volontariamente combattuto all'estero per un esercito straniero o in un gruppo paramilitare ideologicamente motivato devono essere imperativamente privati del passaporto svizzero.

Lo ha deciso mercoledì il Consiglio nazionale, per 108 voti a 79 e 6 astenuti, accogliendo così una mozione di Marco Romano. Con tale revoca, la persona in questione perde anche il diritto di soggiornare o di rientrare in Svizzera.

Il Consiglio federale proponeva invece di respingere l'atto parlamentare. Secondo la ministra della giustizia Simonetta Sommaruga, le norme attuali prevedono già la possibilità di revocare il passaporto a chi ha commesso atrocità all'estero, agendo nelle file di gruppi estremisti. Inoltre, per il Governo, la revoca generalizzata della cittadinanza sarebbe sproporzionata.

ATS/Red. MM.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.